LUCI D’OMBRE

Al Teatro a l’Avogaria,
domenica 19 febbraio, ore 18
Il C.T.R. Centro Teatrale di Ricerca di Sonia Biacchi presenta il nuovo spettacolo Luci d’Ombre

con le danzatrici Jennifer Cabrera e Roberta Pagliaro
regia e costumi Sonia Biacchi

Quattro performances in sucessione più una: (la danza delle stecche per celebrare il grande maestro del Bauhaus Oskar Schlemmer) unite dallo stesso intento rappresentativo: offrire al pubblico l’estrianazione dalla quotidianità e l’immersione in mondi a se stanti dove non si raccontano storie ma piccoli squarci di esplorazioni fantastiche, sussulti di fatti, di tentennamenti, di esplorazioni. Performances coreografate nella consapevolezza che a contare non sia la ricerca di effetti appariscenti, ma la transazione tra i movimenti, la fluidità, la capacità di infondere vita.
Così nasce Luci d’ ombre spettacolo di teatro danza che fonda il proprio codice drammaturgico su una particolare sinergia di forme espazio musica. Elemento centrale di questo codice – veri e propri segni alfabetici che poi si compongono nella scrittura scenica – sono alcune strutture “architetture per i corpi” progettate e realizzate da Sonia Biacchi e via via modificate nel tempo della ricerca e del progresso ideativo. Indviduate a partire dalla osservazione delle forme che si producono nella realtà (con particolare riferimento a quelle architettoniche), esse sono il risultato di un lavoro di astrazione mirato a creare una rete di segni. Nel fondamentale confronto con la materia che a quei segni deve dare corpo, si sprigionano nuove suggestioni ideative, che a loro volta sono tenute a confrontarsi con la fondamentale esigenza di dar luogo a forme che sappiano esprimere il proprio ricreato potenziale semantico nel confronto con lo spazio in cui agiranno. Le strutture così realizzate – i particolarissimi costumi “ che quasi si sostituiscono ai corpi, pure in grado di esprimersi solo per loro mezzo- diventano il fondamentale strumento attraverso cui, nell’elaborazione coreografica, può essere ricercato il respiro della sintassi narrativa.

Prenotazioni
041.0991967 | 041.5206130 | 335.372889
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.